ON INSTAGRAM

martedì 27 marzo 2012

Un brivido sopra la follia...

"La follia è una condizione umana. In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione. "
Franco Basaglia


Stamattina oltre alla canzone c'è stata anche un'immagine che ha accompagnato il mio risveglio in auto. La colonna sonora è Father and son, "it's no time to make change, just relax take it easy..." l'immagine è il "matto" che incontro  tutte le mattine: stamattina era particolarmente carico, ma in senso buono! Non ho la più pallida idea di chi sia, è sempre tutto sporco, ma con un sorriso e un'allegria contagiose. E stamattina mentre noi eravamo in coda e inevitabilmente sbuffi, imprechi... lui camminava in contromano e rideva e ci salutava tutti, uno per uno... contagiandomi con la sua sana pazzia. E' proprio vero che i pazzi aprono le vie che poi percorrono i sani di mente, o coloro che si ritengono tali.
Ma con quella canzone che ti dice "non è tempo per cambiamenti solo sietidi, prenditela lentamente, c'è così tanto su cui devi pensare..." e lui che affronta ogni giorno con la sua sana incoscienza ti rendi conto che a volte tutti siamo costretti, per rendere sopportabile la realtà, a tenere viva in noi qualche piccola follia!

sabato 24 marzo 2012

In coda, la fila accanto scorre sempre più rapidamente...

" Il momento più importante è il presente,
perchè se non ci si occupa del proprio presente si manca il proprio futuro."
Bernard Werber



Tanti raccomandano che prima di intraprendere un'impresa o affrontare un grande passo o prendere una decisione importante bisogna attendere il momento giusto.  Secondo me il momento giusto non esiste: caso mai è solo quello che sai cogliere...se lo sai cogliere bene.  Chi lo attende infatti  non fallisce, semplicemente perchè non agirà mai.
La vita lo vediamo ogni giorno non è semplice di suo, e molti di noi se la rendono ancora più complicata di quello che è. E le probabilità di sbagliare sono più alte di quelle di fare la cosa giusta, Murphy insegna: Se qualcosa può andar male, lo farà...
Non credo a chi mi dice che invece esiste, casomai penso che queste persone non abbiano mai dovuto prendere decisioni davvero difficili di quelle che ti cambiano per sempre.
La perfezione per me, ripeto sempre per me, non esiste. Esistono momenti più o meno favorevoli e tu devi essere bravo a coglierli e soprattutto pronto e deciso e impegnarti in quello che credi, in quello che vuoi.
Perchè essere pronto è molto, saper attendere è meglio, ma sfruttare il momento è tutto.

giovedì 22 marzo 2012

Ogni limite ha una pazienza

"La pazienza può far germogliare delle pietre, a condizione di saper aspettare."
Driss Chraibi


"Secondo me, 45 anni sono l'età giusta per l'amore eterno, non un minuto prima e nemmeno tanto dopo. Quel sentimento richiede saggezza e tempo. Da giovani si va troppo di fretta, L'età ti insegna le ammalianti doti della lentezza". Così ha dichiarato recentemente il saggio e buddista Richard Gere.
La sua frase è solo lo spunto di partenza per una riflessione più generica sulla pazienza, perchè fortunatamente non tutti hanno dovuto aspettare i 40 anni per trovare il vero compagno di vita. Certo le relazioni a 15, a 20 e forse anche a 30 non le puoi capire fino in fondo, ma di sicuro a modo loro ti insegnano qualcosa lo stesso: in fondo l'esperienza si crea e matura imparando dai propri errori...

Sarà questo periodo di "attesa", ma in fondo è vero occorre una grande pazienza per imparare ad avere pazienza... dicono che le armi migliori della vita sono: il coraggio, l'ostinazione e la pazienza. Il coraggio fortifica, l'ostinazione diverte e la pazienza dà pace. E' certo che chi ha pazienza è in pace con se e con gli altri, di sicuro il buddismo ha aiutato Richard Gere!
C'è chi nasce paziente e chi lo diventa. C'è chi la cerca in tutti i modi, e io a modo mio l'ho trovata. Perchè la pazienza ti insegna che non esiste meta troppo alta per chi si prepara con pazienza. E la mia corsa me lo ha ripetuto tante volte. E ora che nn si può correre la pazienza di aspettare scarseggia! Ma nel mio caso specifico si è aggiunta anche la curiosità....e questa è un'altra storia!
Bisogna avere un cuore capace di pazientare; i grandi disegni si realizzano solo con molta pazienza e con molto tempo... in fondo 9 mesi non sono poi molto tempo, e infatti ormai ne mancano meno di 3...

giovedì 1 marzo 2012

Sarà capitato anche a voi....

"Sarà capitato anche a voi
di avere una musica in testa,
sentire una specie di orchestra
suonare suonare suonare suonare, zum zum zum zum zum zum zum zum zum,
la canzone che mi passa per la testa..."
Mina

Ci sono persone metereopatiche e persone musicopatiche. Non so se il termine usato è corretto o tanto meno esiste, ma sicuramente è adatto alla circostanza! C'è chi sente il tempo e si lascia condizionare l'umore, e chi come me in base alla prima canzone della mattina sa che giornata avrà: vabbè il mondo è bello perchè è vario! Che ci vogliamo fare, c'è gente messa peggio come equilibrio mentale... ma ci sono canzoni capaci di metterti di buon umore e di farti sorridere, come zum zum zum zum...o di darti la carica poporroppopopopo...di farti riflettere o anche commuoverti. Ci sono canzoni che le ascolti una volta e ti rimangono dentro, altre volte ti lasciano senza parole. Ci sono testi che descrivono alla perfezione come ti senti: ci sono momenti della vita in cui tu pensi che quello che stai passando nessuno lo può capire, nessuno ci è mai passato....e poi ascolti una canzone che descrive perfettamente come ti senti, che fa uscire quello stato d'animo che tu segretamente, o almeno ci provi, nasconti dentro...Come dice Noemi sono solo parole... ma le parole si sa pesano e ci sono parole che non si dimenticano, come persone o momenti.
Ci sono persone che hanno fatto parte della tua vita solo per brevi periodi o situazioni che abbiamo già passato che hanno cambiato per sempre ogni parte di noi e a volte basta una canzone di prima mattina a fartele ricordare...