ON INSTAGRAM

venerdì 25 febbraio 2011

Ma la storia dei pinguini?

Dove è finito  il mito del grande amore? Al vissero insieme felici e contenti non ci crede + di tanto nessuno, spt vissero insieme…di questi tempi! Oggi, infatti, ho sentito parlare di self expansion. Che vuol dire? È il nuovo concetto di coppia, una volta si diceva gli opposti si attraggono, oggi si dice che funzionano meglio, x’ il rapporto con l’altro ti consente di crescere, di svilupparti, di migliorarti (si spera!). E di durare + a lungo… ma viste le statistiche mi sa che ci si sposa fra simili! C’è una controindicazione ovvia nel self expansion: i diversi spesso litigano (la politica insegna..), quindi? La morale è il cane che si morde la coda! Oggi quindi non si sta + insieme x amore, ma x imparare qualcosa, dicono gli esperti…va bene che c’è sempre qcosa da imparare, ma mi sembra un po’ sminuente!

Intanto ritorna anche un mito made in USA degli anni ’70: la “coppia aperta”. Tutto torna, sempre che poi se ne fosse andato…Ma oggi ha un nuovo nome amore multiplo. Si creano più relazioni parallele, senza segreti né gelosie, che dicono i coinvolti non ha nulla a che vedere con tradimenti o scambi di coppia…macché! Allora scusate cosa è? Sono rimasta un po’ indietro io o faccio parte di un’altra specie? Tipo pinguini e cigni?

lunedì 21 febbraio 2011

Come guardare...

Andare a vedere la mostra di Matisse a Brescia con una giornata come ieri è l'ideale: fuori cielo grigio, pioggia, freddo e pure vento...dentro un viaggio in un mondo di colori.
Un viaggio nn solo per gli occhi, ma anche x l'umore, e perchè no, anche x l'anima.
Matisse è stato un grande: è diventato artista x caso, una scatola di colori in un periodo di convalescenza gli rivela la passione di una vita; studia gli artisti del passato ma non ne diventa succube, li reinterpreta a modo suo. In modo originale e personale, fino ad allontanarsi dalla realtà. La sua è un'arte dove i dettagli non sono importanti, (per questo che mi piace così tanto?!?) ma è l'armonia fra gli elementi a farla da padrone.
Matisse scriveva: “Bisogna guardare tutta la vita con gli occhi dei bambini”. Guardare senza pregiudizi, come se si vedessero le cose per la prima volta. Solo così ci si può esprimere in modo non condizionato. Un Piccolo Principe a colori su una tela, non si vede bene che col cuore, l'essenziale è invisibile agli occhi.  E forse oggi troppa gente ha gli occhi bendati, o forse fa solo finta di non vedere...

giovedì 17 febbraio 2011

Un miao massaggia il cuore. S. McMillan

Ho sempre avuto cani, ma da 3 anni vivo in appartamento, con una micia che è in simbiosi con la sottoscritta, e un marito, ma solo oggi ho scoperto l'esistenza della festa del gatto, che è celebrata il 17 febbraio dal 1990. Questa scelta mi dicono non essere casuale, infatti il mese di febbraio è il mese dell'Acquario tipicamente considerato il segno degli spiriti liberi, mentre il giorno 17 è stato scelto appositamente per sfatare tutti i miti che hanno accompagnato la storia dei gatti.

Già Leonardo da Vinci diceva che anche il più piccolo dei felini, il gatto, è un capolavoro. Io ci sono arrivata un po' dopo...! Un gatto è un cavaliere romantico e passionale: elegante nell'atteggiamento, buone maniere e con una passione per i combattimenti corpo a corpo, sfrenate storie d'amore, duelli al chiaro di luna e canti di gioia, insomma il compagno ideale...ecco x' non cambierei mai la mia Coco! Il gatto, se gli piaci ti adotta letteralmente. Chi dice che il gatto è egoista e si lega alla casa e non alla persona, secondo me si sbaglia, semplicemente il gatto in questione non l'ha scelto! Come la volpe del Piccolo Principe, ti sceglie giorno dopo giorno. E la mia Coco mi sceglie ogni mattino alla stessa ora, domenica esclusa, come farà saperlo che non mi deve svegliare il fine settimana?!? E ogni sera aspettandomi davanti alla porta... quindo oggi questa pagina è dedicata a lei e alle sue fusa che ripagano anche la giornata + grigia!

sabato 12 febbraio 2011

La realtà è molto più interessante...

"Nella vita solo una cosa è certa, a parte la morte e le tasse. Per quanto cerchi di evitarlo, per quanto buone siano le tue intenzioni… commetterai degli errori… ferirai delle persone. Sarai ferito anche tu. E se mai volessi rimediare. C’è un unica cosa che si può dire.
~
Perdona e dimentica. E’ cosi che si dice. E’ un buon consiglio ma non molto pratico. Quando qualcuno ci ferisce… vogliamo che soffra quanto noi. Quando qualcuno ha torto sul nostro contro, vogliamo avere ragione. Senza perdono, i vecchi debiti rimangono inestinti… le vecchie ferite, inguarite. E il massimo cui possiamo aspirare… è che un giorno… avremo la fortuna di dimenticare."

Dopo lunghe attese, almeno per me, è ricominciata Grey's Anatomy. Qualcuno dirà serie patetica, più o meno come altre, beh forse è vero...! Ma una cosa è certa vorrei conoscere l'autore dei testi, di quelle super frasi ad effetto che aprono e chiudono ogni puntata, pronunciate dalla Dr.ssa Grey! Meglio dei biglietti dei Baci Perugina o dei Biscotti della Fortuna! Piccole perle di saggezza che cmq un po' ti fanno riflettere, almeno per la durata dell'episodio! Cmq non sono la sola a pensarla così, esistono tantissimi siti che riportano le frasi più interessanti, addirittura su facebook...quindi sono in linea con le tendenze! E' un po' la mia dipendenza! Ho avuto qualche crisi di astinenza durante l'attesa, l'ho superata...ma appena ricomincia le serie...rieccomi dentro a non perdere una puntata e se capita, subito a cercare la replica! A chi non è capitato per un'altra serie? Ma come dice Meredith   "Il brutto delle dipendenze e’ che non finiscono mai bene. Perche’ alla fine, qualunque cosa fosse a mandarci smette di farci star bene e comincia a fare male. E comunque, dicono che sia impossibile liberarsi dei vizi finche’ non si tocca il fondo. Ma come si fa a capire quando I’hai toccato? Perche’ non importa quanto una cosa ci faccia male… A volte smettere e’ ancora piu’ doloroso."

Non sono ancora a questi livelli, anche x' stasersene spaparanzata sul divano, il venerdì sera mangiando solo quello che ti pare senza cucinare non è poi così doloroso! E poi come dice la mia eroina (bello il dopppio senso...) lo so bene che la realtà è molto più burrascosa e interessante della finzione, e chi ha inventato la frase "vissero felici e contenti" andrebbe preso a calci!