ON INSTAGRAM

mercoledì 31 dicembre 2014

post di rito

"Il capodanno è il momento per fare i vostri buoni propositi. 
La settimana successiva potrete cominciare 
a piastrellarci la strada per l’inferno, come al solito."

Mark Twain




31 dicembre, ultimo giorno del 2014. Di solito si fanno i bilanci personali in questo periodo, si fa il resoconto di cosa è andato e cosa no, di cosa si vorrebbe per l'anno nuovo, si esprimono desideri e buoni propositi, che immancabilmente non si rispettano.

Io da sempre odio Capodanno e Carnevale. Due feste in cui bisogna fare festa per forza, per festeggiare cosa poi? Qualcosa che non esiste di per sè. Il Carnevale ti mascheri e fingi di essere qualcosa che non sei. Il Capodanno festeggi qualcosa che alla fine cambia solo sulla carta. E' un nuovo inizio dicono, ma per me è semplicemente sulla carta. 
E' relativo.

Senza nulla togliere a nessuno o criticare ipocritamente nessuno! 
Anche io stasera mi farò "carina", indosserò scaramanticamente qualcosa di rosso e preparò una cenetta, ma senza esagerare.  Un po' come fai con l'oroscopo...non ci credi, ma lo leggi, se è bello finisci per crederci... 
Alla fine domani è semplicemente il 1 Gennaio. Cambia la numerazione dei documenti, si riparte da 1. Ma noi siamo sempre gli stessi. I buoni propositi durano poco e lo sappiamo bene!

Io domani penserò semplicemente che mancano esattamente 2 mesi a Treviso :-) ecco cosa sarà per me il primo giorno dell'anno, l'inizio di un altro countdown.

Ogni giorno dell'anno può essere il tuo Capodanno, dipende solo da quello che vuoi fare o cosa vuoi essere o diventare. Già nei post degli anni scorsi avevo espresso questo mio punto di vista. Che è il mio, non condiviso da molti, ma per fortuna ognuno ha la sua testa e i suoi di pensieri e i suoi di punti di vista.

Non mi piacciono i rimpianti nè guardarsi troppo indietro, nè mi piace fare troppe previsioni o guardare troppo avanti. Sto imparando a guardare sempre più al presente, per apprezzarlo davvero.

Se devo guardare al 2014 è stato un anno condiviso sempre con la mia famiglia, come mi auguro sarà il 2015! Con ♥E♥ e con ♥F♥: E ha iniziato l'asilo, cresce e fa ogni giorno scoperte e progressi come tutti i bimbi, F ha sopportato e supportato per un anno la mia passione per la corsa, spronandomi anche quando l'umore diceva di mollare.
 Ho corso "tanto" quest'anno, da quando ho iniziato, un paio di anni fa, questo è stato sicuramente l'anno preso più seriamente. E' stato anche il primo anno da tesserata RB e i progressi nel mio piccolo sono stati tanti.

Il 2014 se devo fare un bilancio da runner è stato l'anno delle Mezze, il 2015 mi auguro sarà l'anno della Regina, e mi auguro che questo non rimanga solo un buon proposito sulla carta.

Tante le persone "nuove" incontrate quest'anno e tutte grazie alle corsa. Non solo persone, ma vere/i amiche/i che condividono con ma la passione della corsa, ma con le quali ho creato un legame che va ben oltre le scarpette... e loro lo sanno. 
Non ho bisogno di fare elenchi.

A questo punto gli auguri di rito... che possa davvero cambiare qualcosa nel 2015 in meglio per tutti, e che i risultati e le persone possano sfatare le mie perplessità sui buoni propositi! 

Ecco il mio augurio: che possa davvero cambiare il vento in meglio per tutti...




lunedì 29 dicembre 2014

andata e ritorno



"Corro perché se non lo facessi sarei pigro e triste e 
spenderei il mio tempo sul divano. 
Corro per respirare l’aria fresca. 
Corro per esplorare. 
Corro per sfuggire l’ordinario. 
Corro… per assaporare il viaggio lungo la strada. 
La vita diventa un po’ più vivace, un po’ più intensa.
 A me questo piace."

Dean Karnazes




Eccomi qui. 
Natale è volato via, iniziato con una bella corsetta in solitaria all'alba per liberare la  mente e far spazio alle immagini e alle emozioni in famiglia da conservare nel tempo... e diciamocelo pure per fare un po' di spazio in più nella pancia!

Dopo di che la pausa in casa FEV: il 26 è saltata la maratonina di Zanica, ♥E♥ non ha voluto sentirne... così abbiamo ripiegato per un sano riposo. In fondo lo dice sempre anche il mitico Daniel Fontana che parte importante di un buon allenamento è il riposo...ecco appunto! 
Non so se intende proprio quello di riposo, film, pandoro e divano e non togliere il pigiama per un giorno intero, nel dubbio si fa!

Così domenica 28 dicembre non ci si scappa: c'è la mitica Presezzo-Roncola-Presezzo. Andata e ritorno, quelli veri fanno così.
28 km totali, 14km andare, 14 a tornare: la matematica non è un'opinione. 
Per chi non è della zona c'è compresa una bella salita che se la fai in moto i tornanti sono una figata, ma circa 700 m di dislivello in 8 km a piedi e di corsa per me erano una novità!

Una bellissima sorpresa però. 
Come sempre fa la corsa:  se glielo permetti ti stupisce ogni volta, nel bene e nel male. 

Piccola cronaca: partenza di gruppo da Presezzo per circa 6 km, piccolo ristoro ancora in pianura e poi via ognuno con la sua velocità. Io e la mia Rundagia stiamo insieme fino al ristoro, e come tutti i runner narcisisti (spt ometti) che abbiamo intorno ci facciamo anche noi il nostro selfie di rito, e poi in salita ci separiamo di poco, ognuna con la sua musica e i suoi pensieri.


Ieri mi sono stupita, sono partita in scioltezza e ho fatto tutta la salita di "corsa" perchè come mi è stato detto una volta, sul certificato c'è scritto atletica leggera... se cammini è un'altra cosa. 
Così ho fatto. Sono stata sorpresa da me stessa: dalle mie gambe, dal mio fiato e dalla mia testa. Sono arrivata in cima col sorriso, ho sofferto per assurdo più in discesa che in salita. Ogni tanto mi dicevo al limite cammini un pochino, poi nello stesso istante allungavo il passo. 
Sembra impossibile, finchè non ce la fai, e ieri quello che mi sembrava impossibile sono riuscita a farlo. Certo con il mio tempo che comunque non considero malaccio!

In quei tornanti ancora imbiancati dalla piccola nevicata di sabato e il sole che la rendeva ancora più brillante la mente vagava, correva sicuramente più veloce delle mie gambe. Ma alla fine so quali possono essere i miei tempi e a me vanno bene, io non sfido gli altri quando corro, certo li ammiro, ma io sfido solo me stessa caso mai. 

Non mi importa se ottengo chissà che risultati o meno, se faccio bella figura, lo faccio per qualcosa che non si vede, che gli altri non vedono, ma che io percepisco dentro. 

E ieri sera mentre tutti pubblicavano (ovviamente e meritatamente) le foto su FB, io guardavo le poche foto fatte da me sul mio telefono e sorpresa me ne sono trovata una scattata senza che me ne accorgessi.

Ecco credo sia la sintesi del mio primo "lungo" in vista della Regina.



Su runlovers ho letto una volta "se fai fatica a fare le scale, ad alzarti dalla sedia, a raccogliere una carta per terra, allora hai corso come si deve."

Stamattina mentre scandevo dal letto ho pensato: ho davvero corso come si deve ieri :-)

lunedì 22 dicembre 2014

vigilia di natale

" Cenerentola è la prova vivente 

che un paio di scarpe può cambiarti la vita! "


così dicono



Zitta zitta, fra alti e bassi sto cercando di rispettare l'impegno dei 50 km a settimana.
Più o meno sto facendo la brava, sulla carta. Diciamo che il periodo natalizio non è il migliore per preparare una maratona. Gli intoppi e soprattutto le tentazioni sono tante! 
Ma se vogliamo che Babbo Natale passi dobbiamo fare i bravi e i buoni... quindi io devo rispettare il programma!
Nel frattempo sto anche cercando la scarpa adatta alla lunga distanza. 
Già.
Così si fa. 
Dicono quelli veri.

Io sono affezionata alle mie Brooks Pure e le Launch le ultime arrivate in casa FEV, ma amate e sfruttate da subito e le vecchie Mizuno Inspire. 
Leggere entrambe.

Poi ci sono le A3 arrivate grazie al concorso del blog con Brooks: le Glycerin e le Ghost. 

Le ho usate meno rispetto alle leggere, quindi dobbiamo ancora trovare il giusto feeling. Ma il dubbio resta...che scarpe userò per la mia prima maratona?
Di recente mi sono pure beccata il cazziatone... mi è stato detto "possibile che tu sia l'unica runner che non trova un paio di A3 che le vadano bene...!" 
Portiamo a casa anche questa.

Allora mi viene il dubbio: o non sono una vera runner :-P ( eh no cazzo!) o potrei essere l'eccezione che conferma la regola... o forse semplicemente non ho ancora trovato la mia.

Sono problematica e casinista, vogliamo abbandonare la mia linea di pensiero proprio ora? 
Non sia mai.

Comunque questa settimana sono uscita con le Glycerin, come si esce con un'amica. Niente appuntamenti al buio, ma uscite mirate. Diciamo che ci stiamo prendendo la mano, anzi il piede.
La strada per Treviso è ancora lunga, e mi piacerebbe prepararla bene. Provarci almeno.

Questo mese abbiamo pure appeso al frigo il calendario delle uscite, dove segno i km fatti e con che scarpe sono stati fatti, il tutto corredato da faccine sorridenti o meno a seconda del risultato. Insomma un calendario semi-serio da runner o da una che ci prova a fare la runner, fino a che non avrò provato anche io la Regina non saprò mai se potrò considerarmi una vera runner!
Questa è la settimana più tosta per correre, c'è Natale ormai alle porte. 

Stasera io e la mia Rundagia ci facciamo gli auguri correndo, poi devo darci dentro per raggiungere i 50k questa settimana, sarà più facile fare le maratone a tavola o sul divano... ma ci proveremo! il 26 c'è la tapasciata di Zanica ottimo modo per smaltire i bagordi del pranzo e far spazio alla merenda a base di pandoro, mascarpone e cioccolata.

Con una bella zavorra sarà più facile trovare la scarpa ammortizzata...


lunedì 8 dicembre 2014

il MIO aforisma, finalmente!

" Affrontare la salita ti rende pù forte.
Iniziare e finire la salita di corsa,
 ti ricorda quanto sei forte."

cit. Valentina Farneti



Piccolino, quasi tascabile, ma per me oggi il pettorale c'era!

So che i puristi della corsa senza pettorale, senza chip, senza la competizione non considerano una 21k una Mezza.

Io non sono una purista.
Ho fatto 21,100 km.
Quindi ho fatto una Mezza a modo mio.

Lo so. Sento già le orecchie che fischiano. 
Mi farò perdonare nel 2015. 
Io quest'anno volevo farne 12, ma non certo per pigrizia non ho potuto farne 12 ufficiali. Pazienza, ma giustamente casa FEV ha la priorità su tutto. 
Così le ultime ce le siamo dovuti inventare.

Cosa volete che vi dica, che io l'impegno ce lo metto indipendentemente dal chip! 
E oggi ne avevo bisogno, per non perdermi.

Periodo un po' critico per la sottoscritta, come spesso capitano a chiunque. Quindi niente allarmismi o noiosi racconti, ma oggi c'era bisogno di una corsa impegnativa, di quelle che fanno male e fanno bruciare le gambe mentre affronti le salite.

Oggi c'era anche la Sgambada dei Runner Bergamo, e mi dispiace non esserci stata anche solo per un saluto o gli auguri di Natale. Ma la mia Mezza l'ho fatta all'alba, e quando voi RB partivate io ero già a casa a dare il cambio a ♥F♥ che anche oggi ha supportato e sopportato la mia scelta. Passerò comunque a fare gli auguri di persona a molti RB per farmi perdonare!

La Mia 21k (chiamiamola così se no a qualcuno viene una sincope...) di oggi è stata tosta, non me l'aspettavo così. Tanta, tanta salita S.Alessandro, le Mura, giù per Astino e poi su per Lavanderio fino a ritrovarsi in Fontana non senza qualche sterrato molto fangoso, e poi Madonna del Bosco. Chi conosce Bergamo sa che sono tutte salite e considerando il bagnato, il fango e le foglie direi che la fatica è stata tanta. La giornata però era splendida, partita con la luna praticamente piena ancora alta... il sole è arrivato mentre salivo le mura. Come uno svizzero era previsto alle 7.48 e lui è arrivato, rendendo il panorama mozzafiato. 
Passare per il centro con ancora il  buio e le luminarie di Natale accese e poco dopo ritrovarsi sulle mura con il sole in faccia... come iniziare meglio le giornate? 
Con un sorriso. E così.

Le salite di oggi mi hanno lasciato tanto, soprattutto visto il periodo. So che oggi la corsa ha messo a dura prova testa, cuore, gambe ed equilibrio. 
Ero sola. 
Ero io. 
E ho affrontato ogni salita con la testa, il cuore e le gambe. 

E alla fine ho pensato sull'ultimo tornante della Madonna del Bosco... la salita mi rende più forte. Ma ogni salita iniziata e finita di corsa mi ricorda quanto posso essere forte.

E ora si pensa alla Regina.
Ciao 2014 anno delle Mezze.



lunedì 1 dicembre 2014

calendario dell'Avvento


" Onorerò il Natale
e cercherò di tenerlo con me tutto l'anno"

Charles Dickens




1°giorno di Dicembre!

Rullo di  tamburi... si apre la 1° casella del calendario dell'Avvento! E non pensiate che sia così solo perchè c'è una bimba in casa. 
Ebbene sì in casa FEV ci sono due calendari: uno per ♥E♥ , uno per l'altra bimba un po' cresciuta che sarei io.

C'è chi dice che mondo sarebbe senza Nutella? 

Ecco io dico che mondo sarebbe senza calendario dell'Avvento!

Quindi stamattina tutto pronto. E vista la carica, ne ho approfittato.

E' un po' che non scrivo, ed è un po' che non corro. 
Quest'anno gli stop forzati sono stati frequenti causa virus importati direttamente dalla sezione dei Folletti. Niente di alternativo...è solo la sezione dell'asilo di ♥E♥. 
Io do la colpa ai virus, ma forse la sottoscritta aveva solo bisogno di una vera settimana di scarico.
Per il corpo e per la testa. 
Ok.
Ora basta però!

Domenica mattina la sveglia per la tapasciata è suonata, ma complice anche il vinello e la cenetta del sabato sera mi sono letteralmente girata dall'altra parte! 
Non si fa!
Ma a volte si fa. E ci sta pure bene!

Così oggi nella tregua dalla pioggia, ho indossato la mia fighissima tenuta da corsa bluette che solo a guardarla ti fa venire voglia di correre e ho detto dai vai e fatti solo 40 minuti... per rimettere un po' di km nelle gambe dopo l'ennesimo virus debilitante.

Invece mi sono accorta che complice anche il timido sole la voglia di correre c'era ed era pure tanta! L'astinenza da endorfine da corsa è forte. E' vero che anche il cioccolato te ne da... ma sono diverse! Ci ho provato, col cioccolato. E comunque non si arriva a una maratona mangiando solo cioccolato, certo aiuta... ma non credo sia il metodo giusto!

E oggi piano piano mi sono fatta 11 km in un'ora spaccata! 5'30" di media che per uno scarichino non mi fanno proprio schifo! Considerando quello che IO facevo fino a poco tempo fa...

Mi dicono che devo fare almeno 50 km alla settimana. 
Ci ho provato a incastrarli in una settimana di prova, fra lavoro, ♥E♥, casa FEV, ♥F♥, scazzi e imprevisti vari e vi dirò con mia grande sorpresa a 48 ci sono arrivata! Quindi è fattibile anche per me. E questa settimana me ne restano "solo" 39!

Dicembre non è certo il mese ideale fra feste, turni di lavoro maggiori, cene, pandori e Recioto... ma IO ho il calendario dell'avvento dalla mia! 
Quindi ogni volta che aprirò quelle caselle farò tesoro di quella magia che questo periodo dell'anno ci regala e mi ricorderò della magia che mi regala ogni volta la corsa... e se due magie non fanno un miracolo, non so più a che santo votarmi per preparare la mia Regina!