ON INSTAGRAM

lunedì 24 dicembre 2012

regali di natale...


" Può un cielo stellato
farti far pace con quello che è stato?

Può una faccia amica
aiutarti a guarire una profonda ferita? "

canzone

Ho affrontato tante volte il tema dell'amicizia nel mio blog. Argomento scontato, banale e che inevitabilmente diventa retorico quando se ne parla troppo.
Ma è Natale...
e allora? Direte voi...
già è Natale, quel periodo dell'anno che può darti tanta gioia o anche tanta malinconia, perchè è un momento di bilanci, di ricordi e di pensieri che si sovrappongono, dei se e dei ma... vorresti essere in pace con tutti e aver vicino le persone a cui vuoi bene e magari quelle a cui hai voluto bene, ma che per un motivo o per l'altro non puoi avere.
Durante il corso della nostra vita, abbiamo trovato tutti quell’amica/o “gemella” capace di comprenderci e capirci in ogni tipo di situazione. Quella persona disposta ad ascoltarci e darci consigli in maniera del tutto disinteressata, che ci donerà parole positive nei momenti bui e che sarà disposto a “strattonarci” per darci una bella scossa e quindi reagire. Delle volte però, magari anche per colpa di piccoli incomprensioni si può rischiare di perdere un amico prezioso.
Non esistono delle regole per fare pace con un amico secondo me, solo il tempo e la pazienza ti daranno le risposte.  Nei  sentimenti, a prescindere che si parli d’amore o di amicizia , occorre sempre essere se stessi, nel bene e nel male, coi propri pregi e i propri difetti...
E non c'è periodo più bello dell'anno per renderti conto che quella persona è tornata... 

venerdì 21 dicembre 2012

bisogna ascoltare le hostess!


"Signore e signori cortesemente prestate attenzione
alla dimostrazione delle caratteristiche e delle procedure
di sicurezza di questo aeromobile.
Anche se siete soliti volare frequentemente
 vi invitiamo ad ascoltare con attenzione
 le indicazioni degli assistenti di volo "
 
 
Ieri mi sono imbattuta in un articolo davvero originale, sul senso di inadeguatezza che spesso assilla molti di noi. Già ci sono i caterpillar nella vita, quelli che vanno avanti dritti per la loro strada e quelli che invece spesso o solo ogni tanto si perdono per strada quando qualcosa non gira per il verso giusto.
Può capitare a tutti a volte di sentirsi in colpa verso gli altri o semplicemente di sentirsi inadeguati, non all'altezza della situazione. Ci dividiamo fra mille impegni, casa, lavoro, famiglia, amici eppure a volte ci sembra di non aver fatto abbastanza per gli altri, per farli star bene, anche perchè spesso sono gli altri che si lamentano e ci fanno notare le nostre "mancanze". A volte hanno ragione, ma a volte se ne aprofittano della nostra buona fede. A volte vorremmo fare come i super eroi, aver il dono dell'ubiquità e riuscire a fare più cose contemporaneamente, soprattutto noi donne, e soprattutto certe neomamme rientrate al lavoro!
Vorremmo riuscire alla perfezione in ogni ambito, ma ovviamente non è sempre possibile! Non possiamo pretendere di accontentare tutti, inevitabilmente trascuriamo qualcosa o qualcuno, è umano, non siamo macchine. Ogni tanto bisogna dire no e questo non vuol dire essere una wonder woman sfigata, ma semplicemente non bisogna pretendere troppo.
Pensiamo che sacrificarci sia una buona idea? Invece no.
Pensate alle hostess quando dicono  in caso di pericolo indossate PRIMA voi le maschere di ossigeno e POI aiutate i bambini o chi è in difficoltà... esempio perfetto! In effetti la maggior parte di noi quando sale su un aereo pecca di superbia e dice queste istruzioni  le so a memoria... e non ascolta, ma in caso di necessità sapremmo davvero cosa fare? Questa istruzione dice tutto, se non diamo spazio prima a noi stessi come persone, alle nostre passsioni e alle nostre esigenze, facciamo un danno anche agli altri, perchè diventano il bersaglio delle nostre frustrazioni.
Quindi viziatevi un po', lo fate anche per il bene degli altri!
Direi che è un ottimo regalo da mettere sotto l'albero....
 




domenica 16 dicembre 2012

visualizza, visualizza, visualizza...

 
" La perseveranza è il duro lavoro che fai
dopo che ti sei stancato del duro lavoro che hai fatto. "
Newt Gingrich 
 
 
 
 
Da questa settimana abbiamo ripreso le redini della preparazione alla Mezza in mano. Questa settimana non abbiamo  mai sgarrato, nemmeno stamattina, quando la tabella prevedeva 10 km e mentre qualcuno rimaneva sotto le coperte al caldo io sgattaiolavo in pantaloncini e canottiera sul tappeto.
Ora bisogna proprio essere convinti perchè s-vestirsi così alle 7.30 e mettersi a correre in un ambiente a 14°C per cercare di ricreare quasi le condizioni di quel giorno... in effetti anche io in quei 70 minuti mi sono chiesta più volte... ma chi xxxxx me lo fa fare???
Ma soprattutto il 17 febbraio chi mi garantisce che ci saranno 13 °C come dicono loro!?!? Cmq non è del clima previsto che parliamo, ma dell'effetto miracoloso della corsa e della sua colonna sonora. Stamattina avevo preparato ben 2 lettori, non perchè ero così pessimista da pensare di impiegarci più di 2 ore per far 10 km! Semplicemente contro la noia e la stanchezza. Parlo della corsa, ma chiunque può immaginare una situazione o un periodo della sua vita, perchè più volte abbiam detto che la corsa è come la vita.
Sono partita convinta decisa ad aumentare la velocità a ogni km che mi lasciavo dietro, ma al 4° già una vocina mi diceva e se ne facessimo 8 invece di 10... al 5° la milza ha cominciato a dar segni di irrequietezza! E io per quanto mi sforzassi di esser Zen e di ripetermi "non hai una milza, non hai una milza..." non ce l'ho fatta, ma non mi sono mica fermata, ho solo rallentato un po', il tempo di far mente locale e pensare al mio obiettivo: l'Arena. Mica ci posso entrare con la mano sul fianco!
Così è scattata l'operazione E.R. o meglio E.mp3 la canzone dell'emergenza. Tutti dovremmo averne una, soprattutto nella vita. Quella canzone che come la metti, ti sale l'adrenalina e la fiducia in te stessa e riparti. E cosi è stato! Sono arrivata liscia all'8° km mi sono limitata ad ascoltarla 3 volte di seguito dopo di che ero dopata! E gli ultimi 2 km addirittura ho corso più veloce dei primi. Certo sforiamo i limiti della tamarraggine, ma l'emergenza è l'emergenza!
Non si può mollare l'obiettivo quando hai iniziato il percorso e soprattutto lo hai reso pubblico. Condividere il mio obiettivo mi sprona a non tradire le aspettative, quelle degli altri e le mie. E la condivisione del proprio obiettivo risulta fra le tecniche positive per raggiungere un proprio obiettivo. Fra le altre ci sono premiarsi ogni volta che fai un passo avanti. Bene, siccome oggi di passi avanti ne ho fatti per 10 km, venerdì per 8 e mercoledì per altri 6, stamattina colazione al Nazionale!
Bisogna anche registrare i propri progressi, io lo sto facendo su una tabella che mi hanno "venduto" come la Bibbia del mezzo maratoneta...vedremo se funziona! E di utilizzare tecniche di visualizzazione,  questo l'ho iniziato stamattina mentre mi immagino entrare all'Arena sperando che il contatore dei minuti sia ancora a 1h 45m !!!
So che per molti la corsa è roba da fanatici, come qualsiasi altra passione che ti entra dentro, ma d'altronde viviamo tutti sotto lo stesso cielo, eppure non abbiamo lo stesso orizzonte...

lunedì 10 dicembre 2012

siamo avanti...

" Aveva quella curiosa passione per il verde,
 che negli individui è sempre il segno
 di un sottile temperamento artistico "
 
Oscar Wilde
 
 
 
 
Anche quest'anno, come ogni fine anno ci siamo. Si dice anno nuovo, vita nuova.
Io a questa affermazione non credo molto, o meglio non è che tutti gli anni la vita ti cambia radicalmente. Quest'anno, il 2012, ovviamente si, almeno per la sottoscritta! Ma i precedenti non sono stati sempre così "sconvolgenti".
Di sicuro da un decennio  a questa parte possiamo dire anno nuovo, colore nuovo. Ogni dicembre, infatti, PANTONE stabilisce quale sarà il colore del nuovo anno dopo uno studio molto elaborato in cui vengono prese in considerazione tendenze e influenze di varia natura, dall’industria cinematografica alle mostre d’arte, i viaggi più gettonati e le condizioni socio-economiche.
Eccolo qui, il 2013 sarà all'insegna del PANTONE 17-5641, Emerald, anche se di verde smeraldo ha gran poco! Verde è verde, ma io direi più verde inglese... in ogni caso a me e a ♥E♥ piace molto!
Il 2012 era all'insegna del Tangerine Tango, in parole povere un tipo di arancio che a me e a ♥E♥ nauseava al di la della gravidanza! Quindi da brave fashioniste e trendsetter abbiamo trascorso i 9 mesi da delirio di onnipotenza circondandoci di verde! Già di solito chi è in dolce attesa ha le voglie gastronomiche.... noi a parte gli spaghetti con le vongole per 9 mesi non abbiamo avuto altre richieste strane...se non un'irrefrenabile voglia per oggetti o abiti verdi.
La ragazza è avanti... 
 
C’è da aspettarsi quindi  un anno caratterizzato da questo colore?
Per più di un decennio il pantone Color of the Year ha influenzato lo sviluppo del prodotto e le decisioni di acquisto in diversi settori:il mondo della moda, dell’architettura e del design. Di sicuro non lascerà indifferenti.
Il sito PANTONE lo definisce Vivace. Raggiante. Lussuoso. Una tonalità che esprime eleganza e bellezza e esalta la sensazione del nostro benessere, dell’equilibrio e dell’armonia. Di sicuro non possiamo non pensare all'associzione verde speranza vista la congiuntura negativa del periodo... e di sicuro ci hanno pensato bene anche i ricercatori: il verde è rinnovamento, vita e prosperità e la natura ne è la prova. Che possa essere non solo una questione di moda, ma di buon auspicio per tutti noi.
Quest'anno allora è consigliabile aver qualcosa di verde da indossare durante le feste, invece del classico rosso: io ed ♥E♥ non avremo problemi di questo tipo con l'armadio!

martedì 4 dicembre 2012

non sarete scaldati solo dal vin brulé...


 
" Vorrei poter mettere lo spirito del Natale all'interno di un barattolo
 e poterlo tirare fuori mese per mese, poco alla volta. "
 
H. Miller
 
 
 
Che Natale staia arrivando è ovvio e che io lo senta sempre già a fine ottobre è noto... che l'atmosfera natalizia scaldi i cuori è ancora più noto... ma ho trovato dei mercatini che scaldano non solo il cuore, anche l'atmosfera e non solo!!!
Ci sono mercatini natalizi molto, ma molto particolari. Per la precisione si trovano ad Amburgo dove da ben 7 anni fra le bancarelle potrete trovare simpatici, ma soprattutto insoliti e originali regali e addobbi per il vostro Natale. Oltre ai soliti stand in legno e addobbi natalizi si trovano infatti tante sorprese dal sapore decisamente piccante e sexy, con tanto di locali vietati ai minori...
Qui non troverete prodotti artigianali da mettere sopra il camino ma tanti gadget per farvi trascorrere delle feste casalinghe molto particolari, o meglio hot...
Dale Evans diceva che  Il Natale, è l'amore in azione. Ogni volta che amiamo, ogni volta che doniamo, è Natale. Direi che i crucchi lo hanno proprio preso in parola e sono passati all'azione! O forse è solo un modo per far scoprire a tutti lo spirito del Natale, poi ognuno trova il modo di manifestarlo, l'importante è apprezzarlo! 
 

sabato 1 dicembre 2012

cambio direzione

" Cambiare direzione
E farsi una ragione
che quello che non sei
Non diventerai
Fine della storia
E se non hai memoria
Ora sai non mi troverai
Cambio direzione "
Francesco Renga
 
 
 
 
Pensavo fosse amore invece era un calesse... non ho visto il film, ma sicuramente la frase rende bene l'idea che ho nella testa. Quante volte ci ostiniamo in qualcosa o su una persona, ci sbattiamo così tante volte la testa...e poi tac! Un giorno ti svegli ed è come se ti si aprisse un mondo, o meglio hai semplicemente cambiato prospettiva o angolo di osservazione. Quante volte ti capita di cercare una cosa, diventi matta e poi quando meno te lo aspetti apri un cassetto e quella cosa è lì davanti ai tuoi occhi! O ti ostini a vedere una cosa per quella che non è, anche io ero convinta che la mia Clubman fosse una station wagon...poi quando ho dovuto metterci un passeggino a bordo ho capito che è semplicemente una Mini, punto e stop!
Così alle volte con le cose, altre volte con le situazioni, altre volte con le persone.
A volte per svariati motivi il tuo punto di vista è limitato, magari non ci piacerà ma è davvero importante fermarci una volta ogni tanto, uscire dalla propria testa e vedere le cose in prospettiva. In effetti scoprire che guardavi le cose nel modo sbagliato può essere quasi liberatorio.
Si vede che ho ricominciato a correre seriamente??? Ebbene si!
Ti accorgi di quanto è importante una passione quando ti accorgi di quanto ti è mancata, mentre a volte la lontananza stessa ti fa capire di quanto alcune passioni sono solo false chimere. A volte staccarsi da qualcosa o da qualcuno può sembrare sbagliato all'inizio, persino far male... poi invece  ti accorgi che non poteva andarti meglio. All'improvviso vedi nuove potenzialità, nuove possibilità, dove non le avevi mai viste prima e va tutto bene quando in un situazione disperata all'improvviso vedi la luce. Di nuovo. Ritrovi la luce. E a me sta succedendo questo. I minuti sono già diventati ore, qualche km sono già diventati una decina di km, e con la corsa ho ritrovato la mia Strada. Quella che mi piace, quella che mi sorridere e canticchiare su un tapis roulant, quella che non mi fa vedere i minuti che mancano ma quelli già passati...quella che mi rende leggera e finalmente in pace.
Notte a tutti!