ON INSTAGRAM

martedì 21 ottobre 2014

sapori semplici...



" I due odori più buoni e più santi 

son quelli del pane caldo e 

della terra bagnata dalla pioggia. "

Ardengo Soffici







Domenica era prevista una Mezza, giusto? Niente scuse, ma purtroppo è saltata! 
Ho meglio è stata boicottata, non da noi ma da qualche alieno che ha rapito i cartelli e si è messo fare i cerchi nei campi di grano...

Già Ela sabato sera parlava di Mezza Agreste... nel senso che era per campi...io rispondevo che ci immaginavo in chiave bucolica... risultato 2 esaurite alla Strasuisio.

Percorso carino, si parte in discesa, l'Adda alla nostra destra, il bosco, il fango, ci piace! Capiamo subito che sarà impegnativa, tanti saliscendi e noi siamo cariche. Poi a un certo punto il vuoto, non c'è nessuno davanti, nessuno dietro... e noi ci ritroviamo in mezzo al grano. Ok, proviamo il sentiero a sinistra...troppo chiuso e imboscato nel vero senso della parola. Allora proviamo a destra... costeggiamo il grano e vediamo che anche questo è senza uscita. Torniamo indietro... o hanno rapito noi, o hanno rapito gli altri corridori!

Rifacciamo un pezzo di strada e vediamo le strisce rosse sull'asfalto, le seguiamo fiduciose e dopo un'ora di corsa passiamo sotto il traguardo... Ela che chiede al tipo della organizzazione scusi ma se noi volevamo fare la 30km com'è che dopo un'ora abbiamo già finito? il tipo ci guarda e ci ride praticamente in faccia.
Ok rifacciamo un giro, stavolta però tagliamo e facciamo la 6km perchè siamo già belle che cotte.

Finiamo un'altra volta nel bosco e anche sta volta da sole... più che una Strasuisio, mi sembra la Strafuoriditesta... comunque non so come ci ritroviamo un po' sul percorso della 22 che al  primo giro era diverso. A un certo punto un po' demotivate diciamolo pure, perchè il programma era saltato, perchè abbiamo sonno, perchè siamo stanche, perchè siamo volubili....insomma spegniamo gli orologi, iniziamo a chiaccherare e stop. 
Ogni tanto ci vuole anche questo. 
Niente sensi di colpa, solo sano divertimento e spirito cameratesco. Ci fermiamo pure al panificio prima del traguardo!
Tagliare il traguardo col sacchetto del pane... c'è sempre una prima volta!

E' comunque stato un bell'allenamento. 
Ottimo percorso impegnativo per la sottoscritta, e ottima compagnia, sempre piacevole  correre con "la mia persona" alias Ela come dicono quelle di Grey's Anatomy!

Ora bisogno ripartire, le Mezze che mancano sono sempre 3, 1 decisa e 2 ancora da programmare. 
Si accettano consigli e suggerimenti a riguardo!

venerdì 17 ottobre 2014

si _ può _ fare



"Le persone possono dubitare di ciò che dici,
ma crederanno a ciò che fai." 
Lewis Cass 




All'inizio dell'anno, forse presa dall'entusiasmo della Mezza sul Brembo fatta ancora col panettone sullo stomaco, mi ero data come obiettivo 12 Mezze nell'anno.

Questo quanto fatto di ufficiale fino ad oggi, esclusi ovviamente allenamenti e tapasciate sotto i 21km.


Gennaio-Febbraio:
♥ Mezza sul Brembo
♥ Mezza di Cornate
Marzo:
♥ BAM Brescia
Aprile-Maggio
♥ Mezza sul Serio
♥ Sarnico -Lovere
♥ 10.000 di Bergamo
Giugno:
♥ 1h in pista a Curno
♥ Strawoman
Luglio:
♥ Fluorun
Agosto:
♥  Ferie
Settembre:
♥ Mezza di Monza
♥ Mezza di Curnasco
♥ Mezza di Bergamo
Ottobre:
♥ io21zero97 _ Mezza di Breno

Alla fine non è andata poi così male, considerando le "logistiche famigliari e lavorative" e gli scazzi che ogni tanto vengono anche a me, ho persino un nuovo PB rispetto all'anno scorso, 1.55.05 e siamo a quota 9 "gare" sopra i 21km. 

Mancano 3 mesi alla fine dell'anno e mancano 3 Mezze per raggiungere l'obiettivo.

Quando mi chiedono perchè 12, non ho una risposta sensata, se non perchè no?
In fondo c'è gente che ne fa molte, molte di più, e non solo di Mezze! 
(lasciamo perdere ovviamente che le fa pure meglio, quello è un altro discorso!!!)

A volte si prendono delle decisioni, che forse non sono perfette, ma è anche bello prenderle piuttosto che cercare decisioni perfette che tanto non si troveranno mai!!!

Quando ho preso questa decisione ne ero entusiasta, strada facendo le cose sono cambiate, ovvio in un anno gli imprevisti succedono, ci sta. Ogni tanto si sono complicate e ho pensato di lasciare perdere, ma poi ho sempre ripreso in mano l'obiettivo. E ora che manca davvero poco a raggiungerlo, anche il tempo scarseggia e anche le corse in zona compatibili con la mia quotidianità. Ma 2 sono già in programma, una tapasciata sopra i 21 domenica, con un obiettivo sul tempo e di prenderla seriamente, l'altra è ufficiale Crema il 16 novembre.

Ora non mi manca che scegliere quella con cui voglio chiudere questo 2014 e mettere il sigillo su un altro anno che è volato, complice anche la corsa che lo ha fatto passare di corsa! 

Merito della mia famiglia che mi ha sopportato e supportato nelle "trasferte" e negli orari a volte strambi degli allenamenti. Merito dei miei "compagni" di viaggi e allenamenti, anche quelli che alla parola compagni scoppia l'orticaria! Che hanno aiutato e stimolato i miei progressi e sopportato e dimenticato i miei regressi!


domenica 5 ottobre 2014

IO21ZERO97. La bella Corsa, il buon Congresso.


"La gallina quando canta ha fatto l'uovo.
Il gallo, invece, canta per niente."
Margaret Thatcher

IO21ZERO97. La bella Corsa, il buon Congresso.
Così la chiamano, non so come sia il Congresso, ma sulla Corsa posso assicurare che non è bella, è bellissima. Nel mio piccolo qualche Mezza l'ho fatta, ma vi assicuro che per organizzazione, dettagli, sorrisi e paesaggi è la mia più bella finora.
Oggi 5 ottobre c'erano molte alternative fra cui la bella Verona, ma per esigenze logistiche è stata scelta quest della Valcamonica, a 2 passi da casa.
E poi anche perchè mi è stato detto che è "spudoratamente" in discesa. Ora secondo me colui che disegnato l'altimetria un po' se la ride, perchè dirà guarda ci sono cascati anche stavolta... niente di che, ma quelle simpatiche salitine che gli esperti chiamano strappetti... ne ho contate diverse! In ogni caso percorso che stramerita.
Lo start inizia a Breno e percorre la Valle Camonica seguendo in prevalenza il corso del fiume Oglio. Un percorso in linea e scorrevole tra radiosi scenari naturalistici e scorci di interesse storico-culturale.
Per buona parte della corsa ho corso senza cuffiette e posso assicurare che il silenzio era assordante, tutti in un silenzio reverenziale verso madre natura, tanto che a volte si riusciva a sentire il rumore del fiume scorrere.
La  partenza della corsa è come le altre alle 9.30 da Breno.
Io e il mio compagno di avventura e di viaggio Wolly scegliamo l'opzione di arrivare a Boario Terme (zona dell'arrivo)  e prendere la navetta che ci porterà a Breno. L'ultima sulla carta parte alle 7.30, ma l'organizzazione ha fatto diversi strappi alla regola per i ritardatari, tanto di cappello!
Comunque noi facciamo i bravi e ci diamo appuntamento sotto casa alle 6.15. Metto la sveglia alle 6, è tutto pronto e tanto non devo fare colazione considerando la mia cena...
direi che posso stare leggera! Fra taragna e brasato e 4 assaggi di dolce direi che l'energia e le riserve ci sono. Ciò nonostante la sveglia biologica vince sul sonno e alle 5.35 a.m. giro per casa pronta per la 4° Mezza di fila.
Mi preparo e indosso la mia maglia Runners Bergamo, oggi indosso quella dell'Onda gialla la squadra in onore di Ricky, bimbo affetto da SMA che si diverte con noi e che nel suo super passeggino porta a casa i suoi record!
Il suo motto è #lasciaticontagiaredalsorriso.  A me quando corro hanno chiesto se respiro perchè sorrido sempre... direi che io e Ricky dovevamo incontrarci!
Prendo il casco e scendo. Io e il Wolly abbiamo optato per le 2 ruote, e mentre faccio la zavorra già sulla moto non solo in gara, mi godo il panorama e l'albeggiare! Passiamo il lago di Endine che è ancora buio, ma le luci e i profili dei monti già si riflettono nell'acqua, guardo l'orologio  e penso cosa vi perdete voi che dormite!
Parcheggiamo a Boario, navetta subito pronta ci porta a Breno. Effettivamente la partenza è alle 9.30 e noi siamo allo Start che non sono neanche le 8, ma dobbiamo ritirare il pettorale... così capiamo la serietà della corsa quando capiamo che il pettorale si ritira in municipio!
E altra piacevole sorpresa il pettorale riporta nome e cognome: per chi come me li conserva come reliquie è una soddisfazione!
Le sorprese non finiscono qui, ci sono anche gli alpini che hanno allestito un piccolo banchetto e ci offrono il tè caldo. A questo punto facciamo un giro turistico del paese, la corsa è anche questo, la possibilità di vedere posti nuovi, che siano metropoli o piccoli paesi di montagna, non importa, è tutto una scoperta!
Assistiamo anche al mercato con prodotti e animali locali, fra conigli, pecore, mucche e galline assisto divertita alla fuga di una gallina e penso... che sia di buon auspicio per oggi? Non che mi senta una gallina, ma magari vado in fuga anche io!
Ci raggiunge il 3° elemento della squadra Martinez e a malincuore scopriamo che Ricky e il suo papà causa influenza non ci saranno, ma nonostante questa assenza noi 3 terremo alto il nome della squadra gialla... più o meno! Visto che i miei angeli custodi sacrificano il loro sicuro 1.40' per il mio tempo. Ma a volte lo spirito di squadra fa anche questo, fa fare pazzie.

Si parte! Una bella discesa ci accompagna da subito e il passo medio si abbassa! I primi 4 km volano che neanche me ne accorgo, i miei compagni di avventura chiaccherano tranquillamente e io li invito a continuare... così si stancheranno come e quanto me!
Al 5°km primo ristoro: efficientissimo! Acqua e sali già al primo pit stop.
Al 7,5 °km primo spugnaggio... se non è per Martinez mi fermerei a fare foto... spugne multicolori! Mi sembra una festa!
Torno seria e mi godo il paesaggio... a un certo punto le cose si fanno serie!
Alla mia sinistra il Santuario di Minerva: tempio di epoca romana  e poco dopo una galleria nella roccia. Oggi si corre in un museo all'aperto! Tanto che prima o poi ci tornerò per rividere tutto con calma.
Continuiamo con un buon ritmo per me, il percorso al di là di qualche strappetto scorre via bene e la metà della corsa arriva subito, i ristori e gli spugnaggi si alternano in una danza ben sincronizzata.
Gli ultimi 2 km per me si fanno un po' duri, i miei 2 pacer in giallo mi hanno tirato un po' per il collo, ma non voglio mollare, il PB oggi si può fare. Così metto le cuffiette anti crisi!
Arriviamo al 20°km e il ponte è davanti a noi, Wolly si stacca sperando in una mia fuga, ma è troppo ottimista! O per lo meno è partito troppo presto per una fuga collettiva!
Così resto con Martinez, e ridendo lo guardo e gli dico mi sento come sul ponte di New York... la fantasia non mi manca lo so.
Piccola discesa e altra sorpresa, l'arrivo è in pista.
Quasi un anello completo, respiro, prima curva inizio la progressione, ultima curva e accellero. Wolly è già oltre il traguardo e mi sorride e io riesco pure a picchiare fuori un sorpasso...taglio il traguardo e...rido.
La corsa è così. Io corro e rido. Mi domando se la corsa mi fa ridere, o io mi faccio ridere mentre corro. In ogni caso il risultato non cambia!
E oggi quella gallina della fuga ha fatto l'uovo... ho il mio nuovo PB!
P.S. un doveroso grazie va ai miei compagni, ma uno ancor più grande a papà Franz che ha fattp il baby-sitter a Ester e mi hanno aspettato per pranzo!

P.P.S. il mio outfit!
♥ scarpe: le instancabili Brooks Launch
♥ short: ovvio non punto sulla velocità, ma sul fashion Stella McCartney for Adidas
♥ occhiali: gli indistruttibili, anzi unbreakable Glorify
♥ maglia: gialla di #rickyilnostroeroe

mercoledì 1 ottobre 2014

l' ABC


"Forse non è a scuola che impariamo la vita,
ma lungo la strada di scuola"
H. Boll




Eccomi in versione nano da miniera. Vabè l'altezza da nano più o meno c'è, mancava il piccone ieri sera e la discesa in miniera, ma l'esperienza di corsa in "notturna" mi è piaciuta molto! Ieri sera #quellidelmartedì hanno traslocato, giusto per essere solidali con Ela reduce dal suo trasloco cittadino. 
Così dalla città ci siamo trasferiti nel buio del parco della Roncola, io speravo più che negli effetti benefici degli allunghi o delle ripetute, confidavo nell'incontro con qualche alpino generoso con un bicchiere di vino e una grigliata, ma credo di essere arrivata tardi e la cucina probabilmente era già chiusa... 
Comunque esperienza nuova e bellissima, correre al buio con le nostre pilette sulla fronte aveva il suo fascino. Abbiamo un po' spezzato la monotonia anche se col gruppo difficilmente ci si annoia! Ma soprattutta il neo coach ha provato a spezzare un po' il ritmo. O meglio a darci una carica. 

La Mezza in casa non è andata benissimo. Sappiamo che non sono nè da podio nè da tempi amatoriali decenti, ma almeno ho chiuso sotto le 2 ore ma sinceramente pensavo di andare meglio, molto meglio. Se non altro un lato positivo c'è stato: la ripresa, rapida e indolore. Quindi confido nelle prossime che verranno!

Domenica 28 settembre Half Marathon di Bergamo. Oddio, che dire. Terza Mezza in casa, anche se questa è la 2° edizione, la primissima era 2011 abbinata con la maratona. La mia prima in assoluto. Di tutte e 3 a parte il mio PB (ridicolo per voi, ma cmq anche io ho il mio PB!!!) non ho bellissimi ricordi. Non sto a polemizzare con l'organizzazione, il problema è la città che di sicuro mal si presta a queste iniziative, per percorso e per mentalità. I magut bergamaschi non possono aspettare 3 ore di chiusura. Punto. Nessuna polemica.

Dopo Monza non ho indossato la maglia gialla, senza la zavorra Ricky infatti ha fatto un tempone, ha letteralmente volato e sono contenta per lui.

Ma io avevo bisogno di correre da sola questa volta. Perchè la corsa è anche questo ritagliarsi i propri spazi, confrontarsi con se stessi, con la propria testa e il proprio corpo. Nel bene e nel male. 
Emozionarsi anche senza fare chissà che tempi... faccio tesoro degli errori fatti nella preparazione, sperando di aver imparato la lezione e fare meglio la prossima volta. 
Come nella vita.

Ora si torna a scuola. Perchè c'è sempre da imparare. #quellodelmartedì ha in mente un programma "perchè i margini di miglioramento ci sono"... io sorrido e dico "certo che ci sono...peggiorare è praticamente impossibile!!!"

Stiamo a vedere... 
E allora riprendiamo con l'ABC.

A: come atletica leggera, quello che c'è scritto sul certificato medico, che non è camminare. Oggi mi è stato detto così. Prendi e porta a casa!

B: come beverone o bombe. Quelle miscele che mi prepara ♥F♥ prima di ogni Mezza, ma magoMerlino deve migliorare, la magia non c'è ancora stata!

C: come chiacchere. Forse ne facciamo troppe durante le uscite! E qui mi gioco il bis, Crostata...quella delle tapasciate è sempre la migliore! :-P

D: come domani. Quando la voglia non c'è, il "domani vado" c'è sempre. Ok da domani basta scuse. Appunto!

E: come Ester. Che comunque ha la priorità su tutto. Corsa compresa. Ma che domenica, nonostante l'influenza mi ha concesso la Mezza, addormentandosi pacifica proprio quando la mamma doveva uscire :-)

F: come fuga. Quella che prima o poi farò anche io come i ciclisti. Almeno per staccarmi dal gruppo dei capponi!

G: come gara. Anche se per me la gara non è mai con gli altri, ma sempre e solo con me stessa. Perchè quel devo dimostrare lo devo dimostrare solo a me...

H: come Half Marathon. Il primo amore.

I: come incontri. Perchè la corsa è anche questo, incontrare persone speciali con le quali dividere una passione e scoprire amici sinceri.

L: come lunghi. Quelli veri, oltre i 30 che prima o poi arriveranno...

M: come Maratona e Monza-Resegone i sogni nel cassetto.

N: come notturna e novità. Per emozionarsi ogni volta!

O: come obbiettivi. Senza quelli non vai da nessuna parte. Nella corsa, come nella vita.

P: come passione. Il motore di tutto.

Q: come "quanto manca?", ogni volta lo dico e ogni volta all'arrivo dimentico questa frase!

R: come ripetute. Brevi, ma intense. Tanto odiate, ma tanto utili!

S: come sogni. Vedere alla lettera M! 
E Salite, un fattore psicologico, non fisico!

T: come test e tabelle. Amati e odiati, ma tanto utili. Vedere lettera R. 

U: come unica, ogni Mezza lo è stata e lo sarà. Nel bene e nel male mi lascia qualcosa di diverso. 

V: come vittoria. Ogni traguardo raggiunto lo è. 

Z: come zavorre, tutti quei pesi che ad ogni corsa lasciamo sulla strada e ti impediscono di volare.

E da stasera a nanna presto. 
Domani c'è scuola.