ON INSTAGRAM

sabato 2 luglio 2011

Free Hugs...

Sentivo che mi leggeva dentro, e io avrei voluto essere più uomo con lei. Avrei voluto essere quell’abbraccio in cui desiderava perdersi. Protetta e libera di lasciarsi andare, perché tanto c’ero io a prendermi cura di lei, a difenderla dal freddo e dal male.
Fabio Volo, Il giorno in più



Prima volta che riprendo il blog da venerdì....e forse porprio x' in questo momento ne vorrei uno....oggi si parla di abbracci. Ebbene sì, ho scoperto che esiste la "terapia dell'abbraccio"! Non ci voleva un genio a capire che fanno bene, c'è gente che addirittura si mette in piazza col cartello e li regala, perchè non fanno bene solo a chi li riceve, ma anche a chi li fa. E' uno scambio, in cui anche due metà che non si intersecano perfettamente alla fine riescono a combaciare, non è solo unione fisica, ma scambio di energia. Non ci sono limiti o barriere in un abbraccio sincero, è un modo per aprirsi agli altri e al mondo, è un lasciar cadere maschere per svelarsi e lasciarsi conoscere. E' una liberazione, ma è un gesto che usiamo tutti troppo poco e troppo brevemente, nonostante faccia così bene.

Nessun commento:

Posta un commento