ON INSTAGRAM

lunedì 23 febbraio 2015

FINISHER...anche io!

" Se vuoi correre un miglio, corri un miglio.
Se vuoi vivere un'altra vita, corri una maratona. "
Emil Zatopek



Da ieri sono una maratoneta anche io. Ho aspettato un po' a diventarlo, tante mezze ma mai il grande passo, c'era sempre una scusa e la pigrizia a bloccarmi. Poi nel giro di un anno sono cambiate tante cose e soprattutto sono arrivate le 2 pazze! 
Ela e Ro, maratonete da tempo, hanno cominciato a buttarla lì. Così quando si è chiuso il 2014 ho detto nel 2015 farò la mia prima Maratona. Che doveva essere Venezia, praticamente quasi un anno per preparla. Poi è arrivata a sopresa il pettorale per Treviso per il 1° marzo così abbiamo detto vabe ci proviamo, cominciamo a fare i lunghi.

Primo lungo appunto, 11 gennaio. Non sono neanche le 7 della mattina quando ha luogo questo dialogo!



Si parla, si parla e il Mister la butta lì: perchè non fai le Terre Verdiane? 
Le 2 pazze: appunto perchè non la facciamo?
Nicola: dai che ce la fai
Io: ma quasi quasi, ma dove è che si corre poi sta Maratona?
Mister: ok, io ti iscrivo lo hai detto.

Ecco è andata proprio così! I magnifici 4 della foto mi hanno convinto che ce la potevo fare. Quello che è successo nel mese successivo lo avete letto. 

Dicono che della prima maratona ricordi tutto, ogni singolo km. Esatto. 
Posso dire esattamente cosa è successo km per km, persino la velocità! Non che mi interessasse il tempo, ma ricordo il ritmo per come mi sentivo.
In tanti mentre ci cambiavamo mi facevano gli auguri per il mio debutto, tutti che si preoccupavano e mi chiedevano se ero pronta! Io semplicemente rispondevo no non sono pronta. 
Non lo sai e non lo sei finchè non la corri. Ora lo so. Ed è stato un bellissimo Viaggio, e come tutti i bei viaggi ne vuoi fare altri. O la ami o la odi. E a me è piaciuta, tanto.
Nonostante la pioggia, il freddo io l'ho amata questa Regina. Esordio peggiore non poteva esserci metereologicamente parlando, ma forse non poteva essere migliore! Mi ha temprata e forgiata quella pioggia, perchè se non mi sono fermata qualcosa di buono è scattato dentro.

I primi km volano con le mie socie. Bellissimi i fotogrammi nella mia testa di noi 3 allineate con la nostra divisa Runners Bergamo.



Le mie compagne di Viaggio sono lì con me sotto l'acqua, non siamo neanche al primo km che la mia mente si immagina noi 3 affiancate su quella strada che parte da Monza... scuoto la testa e mi dico Vale sei a Salsomaggiore ora! Comincia a finire questa!
Però è una gran bella fantasia e io e Ro scherziamo anche sui numeri dei pettorali cercando un segnale dall'alto!
V: 301
R: 520
E: 33
dunque il mio pettorale è fighissimo! 
301
3 come la principessa, la Regina e il principe. 1 come 1 corsa. 
Ma anche 3 come Vale+Rosa+Ela che diventano 1 terna!
520 come 5.20 il tempo che potremmo impiegarci alla Mo.Re
33 come più di 3 di così non si può.
I segnali ci sono tutti!

Passata l'allucinazione riprendo a correre. Mi accorgo che stiamo tenendo un ritmo da Mezza sui 5.15/5.20 dico ragazze non è che rallentiamo un po'!!!
Ma sto bene e continuo con loro. Non salto un ristoro, faccio la brava, da manuale. Ma al 18k comincio un po' a rallentare, il ginocchio si sveglia e inizia a far male. Fa freddo e io ho un gran freddo. Le ragazze cominciano ad allontanarsi un po', ma sapevo che sarebbe successo. Ed è giusto che sia così. Loro ci sono, ma io devo correre con le mie gambe e la mia testa. Loro non possono farlo per me. Le vedo li davanti, ogni tanto si voltano faccio ok con la mano e provo anche a sorridere. 
Al 22k inizia la mia crisi, tutti mi parlano del muro dopo i 30/35k il mio è arrivato lì. Ce l'ho stampato in testa. Ela e Ro iniziano ad allungare rispetto a me, comincio ad avere un freddo cane, mani ghiacciate, labbra viola, mi guardo intorno e si mi viene da piangere. Mi sento sola come una bambina, credo sia il momento in cui ti fanno visita i fantasmi. Ecco sono stata così per 2k. La velocità scende drasticamente! da 5.15 passo a 6.30, mi fa male tutto, voglio fermarmi e ci penso seriamente. Poi però succede una cosa, mi superano i palloncini delle 4 ore. Mi dico ma allora non stai andando così male! 


Penso a ♥Ester♥ che è rimasta con la febbre dai nonni, a ♥F♥ che mi ha accompagnato all'alba al pullman e sarà all'arrivo e io che faccio mollo? Nooooooooooo!!!
Così mi inserisco nel gruppo delle 4 ore e sto con loro fino al 26 riprendo da lontano Rosa, Ela, Nicola e Patrizia. Resto un po' dietro di loro e continuo il mio viaggio da sola. Li lascio andare ancora una volta, ma tengo un ritmo quanto meno decente, sui 6 al km. 
Mi prendo anche il secondo di quei gel che fanno veramente schifo, più per l'effetto placebo che fisico e continuo. 
Al 3ok mi da fastidio tutto persino la musica. E arriva il mitico Ferdi. Si affianca e mi fa compagnia, poche parole e tanto sostegno mentale!
Mollo le cuffiette e faccio come dice lui, la musica sentila dentro e la sento. Verso il 36k sento anche quella di Verdi, una gran bella emozione. 
Da li in poi è pura fatica. Le gambe diventano dure, di legno continui perchè ormai non puoi più fermarti manca pochissimo! 
E al 40k ritrovo Rosa. 
Ferdi da vero signore e cavaliere alla sua 138° maratona dopo aver sostenuto me, rallenta ancora di più e accompagna fino al traguardo un'altra ragazza. Grandissima lezione la sua, non c'è stato runner che lui non abbia salutato o a cui non abbia chiesto se era tutto ok. 
Io e Ro continuiamo così, lei un passo avanti a me. Poche parole, vedo il cartello Busseto e mi dico a Busseto ci sei arrivata!


Arriva il cartello del 42k prendo Ro per mano e vedo ♥F♥ al traguardo. Rido come una pazza ma le farfalle in pancia arrivano e un singhiozzo c'è, mi viene come si dice il groppone allo stomaco...ma ragazzi io rido però al traguardo! Le foto parlano! Ho gli occhi lucidi sì, ho pianto durante la corsa sì, ma al traguardo ho riso.
Ro rallenta, mi lascia la mano e mi dice questa è la tua corsa vai da sola a prenderla!

Passato il traguardo, non guardo neanche il tempo! Vedo lei e l'abbraccio.
Per la cronaca il tempo è 4.12.14 e io ne sono felicissima!



Dicono che se vuoi vedere come sarai tra 10 anni di guardarti allo specchio dopo una maratona. Beh io sinceramente ci metto la firma! Perchè vi assicuro che ero semplicemente felice, in piedi sulle mie gambe e ridevo all'arrivo...


Nessun commento:

Posta un commento