ON INSTAGRAM

mercoledì 10 luglio 2013

non fermarti


" Tristezza - stanchezza che penetra nell'anima
Stanchezza - tristezza che penetra nella carne. "
Christian Bobin


 

 Stamattina mi sono svegliata così, in stile Gatorade fulmina i tuoi limiti, spacca il secondo, diventa il drago della volata, diventa l'idolo della curva...il tutto in solo 8 settimane... ok, diciamo che l'idea era quella, poi come sempre fra il dire e il fare... chi mi conosce lo sa che non sono una fanatica per nessuna cosa. Ma fra tutte, questa mi è piaciuta: Non fermarti quando sei stanco. Fermati quando hai finito. Il giusto compromesso fra il fanatismo dei primi slogan e la fase bradipo ormai  fortunatamente superata.
Provate a pensarci quante volte lo diciamo o almeno lo pensiamo sono troppo stanco? Molto più spesso di quanto pensiate. E molte volte la stanchezza è più mentale che fisica. Non parlo solo della corsa, quante volte non finiamo qualcosa o rimandiamo qualcosaltro perché siamo stanchi?
Dai questa è la frase ideale non tanto per quando corro...ma per quando devo stirare!!! Infatti quando inizio mi impongo che se non ho finito non spengo il ferro. E lo stesso cerco di farlo con gli allenamenti: se non finisco i km che mi sono imposta alla partenza non mi spengo. Certo capitano le volte che mi spengo prima, vuoi il caldo, vuoi la milza, vuoi il menage familiare, ma almeno la volontà ci prova. Perché alla fine è così: la corsa, ( per la sottoscritta per altri sarà altro) è la maestra di vita migliore, mi aiuta a ritrovare le energie per affrontare gli impegni quotidiani e le sfide personali.
Spesso quando non solo il tuo corpo, ma la tua testa è stanca di arrovellarsi sempre intorno agli stessi problemi vorresti fermarti e arrenderti. Invece una qualsiasi attività motoria praticata con regolarità, ovvio, ti da una scarica di endorfine che allevia le tensioni e almeno sul momento ti fa stare bene. Certo lo so che la corsa non è la panacea a tutti i probelmi del mondo...magari bastasse alzare le chiappe!  
Ma alla fine è proprio qui il nocciolo della questione.
E' proprio quando ci sente giù: vuoi per la stanchezza, vuoi per una delusione, vuoi per un problema, che non ci si deve fermare. Nella vita come nello sport.  
Nello sport è così, quando ci si sente affaticati che ci si deve dunque sforzare di fare dell' attività fisica, perché i benefici che da essa derivano compensano ampiamente il fastidio iniziale di un ulteriore impegno.    
L'importante è non fermarsi, e soprattutto non permettere a qualcun altro di fermare la tua corsa. Puoi rallentare, magari camminare per un po', ma non fermarti almeno fino a che non hai finito.

Nessun commento:

Posta un commento