ON INSTAGRAM

mercoledì 3 agosto 2016

equilibri




E' arrivato Babbo Natale! 
Chi mi conosce da un po' conosce la mia passione sregolata per quel periodo dell'anno, scherzando stamattina al lavoro ho detto ragazzi fra 4 mesi iniziamo col calendario dell'Avvento. Vi risparmio i commenti... :-) non troppo lusinghieri! 
Sarà la botta di ottimismo, la scorta di iodio, ma stamattina ero in clima festoso...e taaaaaaaac: arrivano i regali!

Regali, che poi me li faccio da sola, ma quando arrivano i corrieri con quegli scatoloni o scatolette per me è sempre una festa. Così stamattina è arrivato il mio agognato, sospirato, sognato (chi più ne ha più ne metta) zainetto Salomon S-LAB ADVSKIN3 5L. 

Sono mesi che gli faccio il filo, che lo tengo d'occhio e finalmente è arrivata l'occasione. E' arrivato rosso, in tema natalizio appunto, anche se la temperatura è più da tacchino ripieno.
E poi sono arrivate loro, le racchette. 
Ovviamente mi hanno già corretto, per non dire cazziata, ecco l'ho detto. 
Si chiamano bastoni, Vale, bastoni. Vabè però mi avete capito comunque ;-)

Ora il kit è completo direi, manca solo la benda e poi il kit obbligatorio richiesto dal regolamento del Brenta Trail è pronto.
Il kit. 
Io un po' meno!

Continuo a correre per la mia città, su e giù, ma mi rendo conto che correre in città per quanto offra saliscendi non è certo paragonabile al correre o camminare in montagna. Si fa quel che si può con i tempi e i mezzi a disposizione. 
Mamma, moglie e lavoratrice autonoma ci si inventa come si può, ma la montagna non scherza così questa domenica è prevista un'uscita sul campo. Quello vero. Non anticipo quale sarà il percorso, non per scaramanzia, ma perchè le opzioni sono 2 e ovviamente io deciderò all'ultimo, come sempre improvviserò... di sicurò testerò i nuovi arrivati.

Non ho mai corso con lo zaino, figuriamoci con le racchette, ops bastoni! Anche perchè l'unica volta che ho corso con delle racchette rincorrevo da adolescente i miei sci dopo averli persi in qualche caduta: ecco posso immaginarmi così, un po' goffa. Giusto un po'. 

Andava provato tutto prima, sicuramente. Lo so, me ne rendo conto, ma umilmente dico che tutto qui è un po' relativo, tutto un po' concentrato. Sto diventando la Coccolino della montagna: minimi tempi, massima resa. 

Quello che posso fare è mantenere alto l'obiettivo, l'entusiasmo e l'equilibrio, anche con la zavorra sulle spalle e due bastoni fra le mani!


Nessun commento:

Posta un commento