ON INSTAGRAM

lunedì 17 febbraio 2014

verona come new york...



THERE IS NO WORLD WITHOUT VERONA WALLS, 
BUT PURGATORY, TORTURE, HELL ITSELF. 
HENCE BANISHED IS BANISH’D FROM THE WORLD, 
AND WORLD’S EXILE IS DEATH.” 

“Non c’è mondo per me al di là delle mura di Verona: 
c’è solo purgatorio, c’è tortura, lo stesso inferno;
 bandito da qui, è come fossi bandito dal mondo; 
e l’esilio dal mondo vuol dir morte.“
W. Shakespeare


Eh già, è passato da poco S.Valentino...e di conseguenza la Giulietta&Romeo Half Marathon. Contenta per le mie 7 rose ricevute decisamente inattese...un po' malinconica per aver bigiato l'appuntamento scaligero. Già perché Verona è sicuramente una delle mie città preferite, è magica, romantica e misteriosa e ovviamente è la città in cui si corre la 2° per importanza mezza maratona italiana.






Ma sono una romanticona non mi andava di rovinare il mio BestTime veronese dello scorso anno. L'anno scorso avevo preparato quella gara in maniera maniacale, volevo a tutti i costi scendere sotto il muro delle 2 ore. Era la prima mezza dopo la nascita di ♥E♥ e dopo un periodo un po' incasinato, per usare un eufemismo. La carica ormonale era altissima complice anche l'allattamento! Infatti ho pianto all'arrivo, ma soprattutto alla partenza...anche perché non andava il Garmin! Scherzi a parte, quando i cannoni hanno sparato il via io già piangevo...e non avevo ancora fatto il 1°km alla temperatura di 3°, dopo sì che c'era da piangere!!!

Avrei voluto esserci quest'anno, ma nella corsa come nella vita non sempre si può fare o avere tutto. E poi se dovevo farla tanto per fare non avrei scelto Verona, ma un'altra mezza. Come sto facendo dall'inizio dell'anno. 
Quella per me rimane la Mezza con la M maiuscola, come per i maratoneti quella vera probabilmente è NY. Non lo so, ma io sono così mi affeziono alle cose come alle persone. Anzi forse di più, perché le cose non cambiano e non ti deludono! E io non ho voluto deludere la mia Verona. Così l'ho seguita da casa e grazie al sempre presente Wolly. 
Ci penseremo l'anno prossimo, così se potrò partecipare porterò la mia ♥E♥ con me perché forse così potrà capire (o almeno provarci!) cosa significa la corsa e quella Mezza per la sua mamma!


...la città vista così non ti perdi neanche un metro o un angolo, ogni scorcio è lì per te e tu devi solo goderti lo spettacolo, poi realizzi che lo spettacolo sei tu stessa. E allora cominci a lasciare i tuoi pesi, ti ricordi perché sei lì e spt ti ricordi gli allenamenti, ti ricordi le aspettative che hai messo dentro e allora stringi i denti e nonostante il freddo vai, se ci riescono gli altri perché io no? 
Comincio a guardare tutti i dettagli e gli stimoli che mi circondano, ad ascoltare i miei piedi sulla strada nonostante le cuffiette nelle orecchie.

Questo era quello che scrivevo dopo "l'impresa"... e più lo rileggo e più mi manca non esserci stata domenica, ma sono anche più convinta di aver fatto la scelta giusta. 

Ho sempre sostenuto la teoria secondo cui la corsa è la più grande metafora della vita: non sempre le cose vanno come vorresti o semplicemente come ti aspetti! Infatti 2 giorni fa gli alieni hanno fatto visita ad ♥E♥ bombardandola di iperattività notturna così per 2 notti abbiamo imparato il palinsesto di MTV e Rai YoYo...perciò domenica mai poi mai avrei potuto andare a Verona e soprattutto correre! In compenso ne ho approfittato per dormire e ritrovare la mia piccola rapita dagli alieni... incrociamo le dita che forse me l'hanno restituita più brava di prima!!! 

Nessun commento:

Posta un commento