ON INSTAGRAM

mercoledì 27 febbraio 2013

a mente fredda

" Indipendentemente dal credo professato,
la cosa più importante è possedere una mente fredda
 e un cuore caldo. "
Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama
 
 
 
Oggi ho letto un articolo al termine del quale ho finalmente capito perchè sia consigliabile prendere decisioni a mente fredda: ebbene sì, la temperatura esterna influisce sulla nostra capacità di prendere la decisione più opportuna.
Il caldo indebolisce la capacità di prendere decisioni complesse, fino a spingere a evitarle mentre gli ambienti più freddi favoriscono questo genere di scelte, addirittura con risultati più efficienti. Il fenomeno sarebbe dovuto al fatto che il caldo provoca un consumo maggiore di risorse energetiche fondamentali come il glucosio, indebolendo le funzioni cognitive.
In fin dei conti il nostro cervello è un organo e, come tutti gli altri organi, ha bisogno di energia per funzionare: il glucosio. Usiamo il glucosio per camminare, parlare, respirare e tutte le nostre azioni quotidiane dalle più complesse alle più banali, e lo usiamo anche per prendere decisioni, esercitare l'autocontrollo o risolvere problemi di matematica.
Il glucosio ovviamente non è infinito e a quanto pare ne consumiamo di più per rafffeddarci in un ambiente caldo che per controllare l'ipotermia al gelo. Quindi è probabile che lo sforzo fisico imposto dall'eccesso di calore riduca la nostra capacità cognitiva, influenzando in modo negativo le nostre capacità decisionali.
Questo però non significa che chi vive in climi più caldi sia meno saggio perchè incline a prendere decisioni sbagliate rispetto a chi vive in ambienti più freddi... Gli esseri umani, infatti, sono molto adattabili: ci acclimatiamo automaticamente e dopo un po' di tempo siamo in grado di dare prestazioni praticamente equivalenti, indipendentemente dalla temperatura. 
Anche se è abbastanza evidente che i Paesi nordici sono decisamente più saggi ed equilibrati di noi meditarranei...
La differenza sostanziale sarebbe dovuta piuttosto a deviazioni rispetto alla temperatura normale alla quale in genere ci siamo acclimatati... ecco forse giustificati i frequenti raptus estivi?
Comunque perchè non provare, se volete far capitolare qualcuno proponetegli una bella sauna o un bel bagno turco... stando a quel che dice la ricerca anche il più saggio perderà il controllo... al massimo cadrà ai vostri piedi per un calo di pressione...

Nessun commento:

Posta un commento