ON INSTAGRAM

lunedì 19 novembre 2012

km 21,097

" Correre mi ha insegnato che perseguire una passione  
è più importante della passione stessa. " 
Dean Karnazes, Ultra Marathon Man, 2006
 
 
 
Avevo già deciso di riprendere la corsa, visto che con le filosofie orientali non sono molto paziente e i risultati scarseggiano. Ma come sempre metto troppa carne al fuoco e la mia bella tabella di preparazione se ne è andata nel momento in cui ho installato Windows 8 sul pc e ho dimenticato di salvarla... li avrei voluto essere molto ma mooolto zen!
Pazienza, ne improvviseremo un'altra.
Ok, proviamoci insieme. Il fatto di aver già fatto una mezza maratona non fa di me un'atleta, magari! Visto che da quella è già passato più di un anno direi che è come se partissi da zero, solo che il fatto di averla già fatta mi frega, perché ora i risultati li vuoi tutti e subito. Invece c'è tanto di diverso.
Vediamo: la preparazione inizio a farla in autunno invece che in primavera, le giornate saranno più corte e spt più fredde. E dettaglio non indifferente 5 mesi fa ho avuto ♥E♥... quindi il fisico ha avuto qualche scossone! La princess si sta ancora deliziando con il latte di mamma e le ore di sonno sono minori quindi anche i tempi di recupero... ma con i se e con i ma la storia non si fa, tanto meno una mezza! Quindi bando alle chiacchere e vediamo che si può fare o meglio come farlo.
Per allenarsi in modo specifico occorre stabilire innanzitutto la nostra velocità di riferimento e tarare tutti gli allenamenti su questo parametro importantissimo.  Una volta stabilita la velocità di riferimento bisognerà cercare di stabilire il ritmo da tenere in mezza maratona per arrivare al risultato cronometrico finale che ci prefiggiamo. Ad esempio se volessimo finire una gara in un tempo sulle 2 ore (buon obbiettivo per un podista principiante e tempo effettivamente tenuto l'anno scorso) dovremo correre circa a 5,40 al km.
Poi bisogna decidere se allenarsi 3/4 volte la settimana... questo devo chiederlo a ♥E♥...direi stiamo sulle 3 volte a settimana.
Poi non bisogna dimenticare la preparazione aerobica di base e sarà quindi necessario correre almeno una volta alla settimana ad un ritmo lento almeno una distanza di 15/18 km. Di sicuro non questa settimana! Direi che magari ne riparliamo fra qualche settimana, magari 4???
Poi armarsi di pazienza, voglia e coraggio... come in tutte le preparazioni molto dipende dalla nostra condizione fisica del momento o se avete ambizioni cronometriche importanti, programmare in anticipo la preparazione ci permette di affrontare gli imprevisti, allenamenti saltati per impegni di lavoro o famiglia, per qualche stop imprevisto per problemi fisici, quindi meglio abbondare nei mesi di preparazione per arrivare in ottima condizione. Come sempre esagero e stavolta pretendo di farlo in meno tempo o almeno ci voglio provare al massimo sarà un tentativo per la prossima volta. Le tabelle sono tante mixarle non so se è un bene o un male, non so se ne trarrò il meglio o il peggio da ognuna... vabbè direi che è meglio mettere da parte la teoria e passare alla pratica, vi terrò aggiornati sui progressi.

1 commento: